Corso di Laurea in Fisioterapia
Info: segmed@unipr.it      0521 033700 (Segreteria) - 0521033151(Coord. Fisiot.)
 Storico dei corsi di insegnamento: Corso Integrato di Metodologia e Tecniche della Riabilitazione Neuromotoria - 2012/2013 Logout
 

Corso Integrato di Metodologia e Tecniche della Riabilitazione Neuromotoria

 

Anno accademico 2012/2013

Docente Dott. Giuliana Bossi
Maria grazia Cantoni
Angelo Censi
Dott. Gemma Coli
Dott. Marco Franceschini
Prof. Franco Gemignani
Dott. Gabriella Lenti
Dott. Sergio Lotta
Gemma Mantovani
M.Cristina Troglia
Anno 2░ anno
Tipologia Caratterizzante
Crediti/Valenza 4
Storico Altri anniV
 

Programma

CORSO INTEGRATO DI METODOLOGIA E TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE NEUROMOTORIA

Esame 13

II anno, II semestre, 4 CFU

Coordinatore Prof. Franco Gemignani (PR); Dr. Sergio Lotta (PC)

 

Fisiopatologia Clinica delle Malattie Neuromuscolari e Degenerative (SSD MED/26) 1 Credito

Prof. Franco Gemignani (PR); Dr.ssa Gabriella Lenti (PC)

 

Malattie Neuromuscolari: generalità e classificazione – l’unità motoria –il muscolo e la contrazione muscolare – semeiotica generale delle malattie neuromuscolari.

Le malattie primitive del muscolo: generalità sulle miopatie – fisiopatologia e semeiotica delle miopatie – classificazione delle miopatie

Le distrofie muscolari: generalità e definizione – principi di diagnosi e trattamento

Distrofia di Duchenne-Becker Distrofie muscolari congenite  Distrofia di Emery-Dreyfuss  Distrofia dei cingoli  Distrofia oculo-faringea  Distrofia facio-scapolo-omerale 

Sindromi miotoniche e channelopatie: distrofia miotonica di Steinert

Miopatie congenite 

Miopatie acquisite: Polimiosite

Malattie del motoneurone: Amiotrofie spinali  Sclerosi Laterale Amiotrofica

Malattie della placca neuromuscolare: Miastenia Grave –fisiopatologia, clinica e terapia

Malattie del Sistema Nervoso Periferico: generalità, fisiopatologia, classificazione e quadro clinico. Indagini strumentali: Elettroneurografia, Elettromiografia. Degenerazione assonale e walleriana, demielinizzazione segmentaria

Classificazione eziologica delle polineuropatie

Neuropatie genetiche. La malattia di Charcot-Marie-Tooth.. PMP22 e HNPP

Neuropatie acquisite. La neuropatia diabetica.
 
 

Inquadramento clinico-riabilitativo del paziente mieloleso e del Paziente con Ictus (SSD MED/34) 1Credito

Dr. Marco Francescini (PR), Dr. Sergio Lotta (PC)

 

LESIONI MIDOLLARI

Cenni di Anatomia Funzionale del Midollo Spinale

Cenni di Biomeccanica e di Chirurgia della colonna vertebrale “instabile”

Cenni di epidemiologia ed etiopatogenesi

L’importanza del 1° soccorso e della fase di emergenza

Aspetti di neurofisiopatologia e plasticità midollare

Il progetto riabilitativo nelle persone con lesione midollare

Le principali Sindromi Cliniche

Le menomazioni direttamente connesse all’evento lesionale e loro programma rieducativo: Motorie; Sensitive; Respiratorie; Vescicali; Intestinali

Le principali menomazioni secondarie e loro programma rieducativo:

Piaghe da decubito: Etiopatogenesi, Classificazione, PrevenzioneTerapia

Vascolari: Trombosi venose profonde; Embolie polmonari

Muscolari

Articolari

La Sindrome “Disreflessica Autonomica”

La Spasticità: valutazione e terapia

Il concetto di autonomia

Il Cammino:

Indicazioni e limiti

Le ortesi

Il problema del costo energetico

Attualità :

FES e Cammino

Spinal Pattern Generator

Trapianti e cellule staminali

Le menomazioni in fase tardiva

Il reinserimento famigliare, scolastico e lavorativo

ICTUS CEREBRALE

Note di epidemiologia

Basi neurofisiopatologiche della lesione

Plasticità e meccanismi di recupero

Sinergie

Funzionali

Posturali

Patologiche

Le menomazioni primarie e secondarie all’evento lesivo

Fase acuta: valutazione e trattamento riabilitativo

Fase “acuta riabilitativa”: valutazione e trattamento riabilitativo

Fase “stabilizzata”: valutazione e trattamento riabilitativo

Percorsi e organizzazione dell’assistenza: evidenze e linee guida.

Evidenze nell’approccio riabilitativo al paziente con Ictus cerebrale

 
 

Riabilitazione delle malattie demielinizzanti (SSD MED/48) 0,6 Crediti

Ft. Gemma Mantovani (PR), Ft. Maria Grazia Cantoni (PC)

 

Riabilitazione del paziente con Sclerosi multipla

-approccio al paziente

-valutazione del paziente

-programma riabilitativo individuale

-programma riabilitativo di gruppo

-programma domiciliare

-ausili ed attrezzature

osservazione di video e valutazioni di alcuni pazienti

 
 

Tecniche di riabilitazione del mieloleso (SSD MED/48) 0,7 Crediti

Ft. Cristina Troglia (PR), Ft. Angelo Censi (PC)

 

Osservazione e valutazione del paziente

Lesioni complete incomplete miste in base ai livelli lesionali:

Bilancio articolare

Bilancio sensitivo

Bilancio motorio

Bilancio avq

Trattamento in fase di emergenza

Bilancio, assistenza e trattamento nella funzione respiratoria

Prevenzione piaghe da decubito

Prevenzione trattamento nelle complicazioni flebo trombo emboliche

Disturbi vescicali e/o sfinterici

Trattamento in fase acuta

Provvedimenti per para e tetraplegie per posture corrette

Arto superiore, mano funzionale nel tetraplegico

Ortesi cervicali e dorso lombari

Valutazione muscolare (muscoli chiave)

Provvedimenti motori: mobilizzazione articolare, Rinforzo muscolare, Verticalizzazione, Inibizione spasticità, Valutazione e trattamento del dolore, Spostamenti

Trattamento in fase sub acuta

Educazione uso carrozzina

Rieducazione cammino con vari tipi di tutorizzazione

Indicazioni e controindicazioni alla tutorizzazione

Avq

Trattamento in fase di stabilizzazione

Attività sportiva

Reinserimento familiare e sociale

Superamento barriere architettoniche

 
Tecniche di riabilitazione della spina bifida (SSD MED/48) 0,7 Crediti
Ft. Giuliana Bossi (PR), Ft. Gemma Coli (PC)
 
- Definizione e classificazione: spina bifida occulta, meningocele, mielomeningocele, agenesia sacrale.
- Livelli lesionali: problemi motori, problemi sensitivi, malformazioni congenite, deformità acquisite, danni neurologici associati (Arnold Chiari, midollo ancorato, paralisi cerebrale infantile, siringomielia, vescica neurologica)
- Livelli lesionali bassi (S3 - S1)
- Livelli lesionali medi (L5 - L4)
- Livelli lesionali alti (L3 e oltre)
Di ciascun livello si prenderanno in considerazione: deficit e compensi, malformazioni, deformità, ortesi e ausili
- Aspetti riabilitativi: osservazione, valutazione, obiettivi del trattamento per i vari livelli, strumenti del trattamento
- Addestramento e sorveglianza dei tutori
 
 

 

Materiale didattico

Vai a Moodle

Visita i forum

Ultimo aggiornamento: 31/01/2013 14:19
HOMEPrimoPrecedenteSuccessivoUltimoPS